News

new review on metalitalia.com



TERRORWAY – Blackwaters

Ormai sapete che la scena italiana è viva: il debutto dei sardi Terrorway, “Blackwaters”, sembrerebbe suggerire anche su più fronti, visto che stavolta non si tratta di death metal ma di thrash moderno e quadrato, articolato nel songwriting in maniera corposa, europeo nelle melodie (meshugghiano in particolare per i suoni), americano nella veemenza e nella spigolosità delle trame. Se è vero che la voce è un po’ carente in potenza, la parte meramente strumentistica è decisamente ben realizzata: si denota una buona padronanza tecnica ed una certa attitudine alla cura del dettaglio, tanto che né i riff né le ritmica sembrano approssimativi; magari non si è fatto tanto esercizio di originalità, certamente i Terrorway hanno preferito muovere i propri passi in un territorio che devono conoscere molto bene, ma altrettanto certamente sono riusciti a scrivere delle discrete canzoni, fruibili al punto giusto e capaci di mostrare qualche soluzione adeguatamente approfondita, come alcune parti melodiche non banali che ci sono sembrate uno dei punti di forza dell’album, conferendo – assiemate ad un discreto senso del groove, mai invadente – anche una certa “memorizzabilità” alle varie canzoni. Altri punti di forza sono rappresentati da atmosfere tese che ogni tanto emergono, come a metà di “Keep Walking Silent”, e da ripartenze pregne d’adrenalina. Il livello medio dei brani è molto compatto, ma qualcuno riesce comunque a distinguersi, come “Chained”, principalmente perché in grado di mostrare al meglio i lati migliori di quanto finora detto a proposito di “Blackwaters”, oppure “Renewal”, con i suoi pregevoli riffoni stoppati. La “pecca fondamentale” è invece rappresentata dalla ripetitività di alcune strutture, che può portare in dote un poco di prolissità, tuttavia non si tratta di un grosso guaio quanto di una mancata sintesi che potrà venire operata nelle successive pubblicazioni: per ora non ci sbilanciamo troppo nella valutazione.

Comment


Return
Sep 28, 2013 Visits: 640